Home » Benessere » Nausea e gravidanza: sarebbe colpa di un batterio

Nausea e gravidanza: sarebbe colpa di un batterio

Uno studio italiano avrebbe appena scoperto come mai non tutte le donne gravide soffrono di nausee e come mai non tutte ne soffrono allo stesso modo. Ci sono quelle che devono stare a letto per 9 mesi, quelle che stanno male ogni mattina, quelle che ne soffrono la sera e quelle che non ne soffrono affatto. Tale differenza doveva avere una causa diversa da quella dello stato in cui si trova la donna in quel periodo e infatti sarebbe tutta colpa di un batterio: helicobacter pylori, lo stesso dell’ulcera.

Lo studio congiunto dell’osepedale S.Anna e dell’Università di Torino ha individuato nell’azione di questo batterio la presenza o meno di nausee ma anche cause più gravi, come aborti spontanei o parti prematuri. I ricercatori piemontesi hanno analizzato i vari casi nella letteratura scientifica internazionale finora conosciuta e hanno puntato in particolare sui problemi legati alla gravidanza, analizzando l’associazione tra la presenza del batterio e le nausee mattutine. Era già nota l’azione di questo batterio per l’ulcera, per le complicazioni da diabete e per altre infezioni gastrointestinali ma per la prima volta qui lo si è associato alla gravidanza.

In quel periodo, infatti, esso può scatenare una infezione attraverso i cambiamenti ormonali e immunologici che si verificano naturalmente e comincia a sottrarre ferro e vitamina B12, in mancanza dei quali si sviluppa l’anemia sideropenica materna. Da qui nascono i diversi disturbi che possono riguardare la madre ma anche il piccolo, con sviluppi come l’aborto o come la spina bifida. In particolare l’aborto sarebbe causato dalla reazione agli antigeni localizzati nel tessuto placentare e sulle cellule endoteliali. Contro questi danni non ci sono ancora terapie efficaci e l’unica soluzione è la prevenzione che, una volta capito da cosa è scatenato il tutto, si può dunque indirizzare sul dannoso batterio.

admin

x

Guarda anche

Ricerca: perseveranza si apprende osservando i genitori

La perseveranza si apprende osservando i genitori. A dimostrarlo uno studio effettuato dai ricercatori del ...

Condividi con un amico