Home » Benessere » L'area emotiva del cervello blocca l'eccesso di sete

L'area emotiva del cervello blocca l'eccesso di sete

Quanto può bere un essere umano? Moltissimo, in determinate condizioni, ma mai più del dovuto ovvero superando la quantità di acqua già contenuta nel corpo umano. E’ il cervello che ci blocca, se esageriamo, come ci spiega uno studio australiano di recente pubblicazione. Attraverso la risonanza magnetica (MRI) eseguita sui volontari i ricercatori hanno visto come esistono aree del cervello (quelle coinvolte nelle decisioni emotive) che si attivano anche per bloccare l’eccesso di liquidi.

I volontari dovevano continuare a bere anche quando non provavano più sete, una sensazione che molte donne conoscono quando -ad esempio- devono bere per forza prima di una ecografia dal ginecologo. Bere controvoglia è pesante e spesso ci dà noia immediatamente. Ma in alcune situazioni, per esempio in certe condizioni fisiche, si continua a bere senza riuscire a fermarsi. Col rischio di saturare troppo l’organismo e causare un rigonfiamento del cervello.
In quella situazione è il cervello stesso che prende il comando per “salvarsi”
. Passato un certo limite la persona capisce di non dover continuare e viene avvisata di questo dalle stesse aree che governano i nostri sentimenti. Una cosa un po’ strana che si potrebbe spiegare col fatto che la soddisfazione della sete ci trasmette piacere, come una carezza, come una dichiarazione d’amore!

admin

x

Guarda anche

Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Il Parkinson lo abbiamo conosciuto tutti, in mondovisione, nella sofferenza di Papa Giovanni Paolo II ...

Condividi con un amico