Home » Benessere » Una misteriosa malattia (la vulvodinia) che poche donne conoscono

Una misteriosa malattia (la vulvodinia) che poche donne conoscono

Esiste una malattia rara, fortemente invalidante, che colpisce (non si sa ancora per quale motivo) alcune donne impedendo loro di godere di un normale rapporto sessuale, di urinare ma anche di vivere situazioni più semplici come camminare, andare in bici, star sedute o accavallare le gambe. Si chiama Vulvodinia e, solo in Italia, colpisce il 5,8% delle donne.

L’attenzione su questa malattia, ancora sconosciuta ai più, viene indirizzata dalla blogger di Repubblica “Elasti” che, nella sua rubrica settimanale, ce la fa conoscere in modo più diretto e approfondito. Mai sentita prima, questa parola “vulvodinia”, mai nemmeno immaginato che potesse esistere una cosa del genere. La curiosità è tanta e la corsa all’informazione immediata. La vulvodinia è una malattia che si presenta con caratteristiche simili a una reazione allergica con arrossamenti, pruriti, dolori anche molto forti nell’area della vulva. In alcuni casi colpisce anche il clitoride (clitorodinia). E’ una malattia talmente poco nota che nelle prime diagnosi viene spesso scambiata con altre malattie veneree, come la Candidosi o la Vaginite e dunque non curata nel modo appropriato.
Sconosciute ancora le cause, anche se alcune teorie danno la colpa all’uso di determinati contraccettivi o alla predisposizione all’allergia. Per la cura, le terapie sono diverse in base ai disturbi della paziente e possono variare dal semplice indossare mutandine di cotone fino alla dieta specifica, passando per trattamenti farmacologici e psicoterapici e l’astinenza dal sesso. In alcuni casi gravi è stato necessario anche ricorrere all’aiuto del chirurgo. Per ulteriori informazioni cliccate sulla pagina della onlus dedicata a questa malattia. L’informazione è la prima arma di prevenzione.

admin

x

Guarda anche

Ecco tutti i danni di San Valentino

Festa romantica, festa sognante, festa dell’amore … Macché! San Valentino a volte può essere deleterio, ...

Condividi con un amico