Home » Benessere » La calligrafia cambia quando la tiroide funziona male

La calligrafia cambia quando la tiroide funziona male

La calligrafia come indice di problemi alla tiroide? Non è assurdo se lo si studia attentamente. La scrittura di una persona può effettivamente essere influenzata da un repentino cambiamento della funzione della tiroide, secondo quanto provato dai ricercatori dell’Università Cattolica del Policlinico Gemelli di Roma, che attribuiscono il cambiamento allo squilibrio ormonale in particolare nell’ipertiroidismo.

Quando si verifica un eccesso di ormoni tiroidei nel sangue, l’organismo produce anticorpi in eccesso che cominciano a colpire l’organismo stesso, le sue cellule sane e funzionanti e in particolare la ghiandola tiroidea. Durante uno studio su questo disturbo, che è maggiore tra le donne che non tra gli uomini, si è notato un cambiamento nel modo di scrivere e si è voluto tentare di capirne di più. Si è così domandato ad alcuni volontari di scrivere un testo qualsiasi prima di iniziare una terapia per la cura della tiroide e di riscrivere lo stesso testo a terapia ultimata. Lo studio ha evidenziato che in effetti c’era un cambiamento notevole.
Variavano spazi, rotondità delle lettere, velocità di scrittura. I pazienti ipertiroidei presentavano una grafia nervosa, rapida, spigolosa mentre, dopo la cura, gli stessi pazienti scrivevano lo stesso testo con linee più morbide, più rilassate e con spazi più misurati. I medici romani sono sicuri che il cambiamento grafico è un sintomo importante per capire l’evoluzione dei problemi alla tiroide e che dovrebbe essere di fatto annoverato tra i segni diagnostici. Hanno collaborato allo studio anche periti grafologi.

admin

x

Guarda anche

Pediatria: nel primo anno di vita 4 fasi cruciali per la salute dei bambini

Sono quattro i periodi che mettono le basi della salute e della vita di un ...

Condividi con un amico