Home » Benessere » Clinica S.Rita: ergastolo all'ex primario Brega Massone

Clinica S.Rita: ergastolo all'ex primario Brega Massone

Di lui avevamo già parlato e non in termini lusinghieri. Oggi arriva la notizia che il professor Brega Massone -ex primario della clinica milanese Santa Rita, protagonista di un grave scandalo del passato- è stato condannato all’ergastolo. Era stato scarcerato a gennaio, dopo l’annullamento della misura cautelare dovuta a errori di procedura legale, ma oggi torna in carcere. E a quanto pare per sempre.

L’accusa, scattata subito dopo lo scandalo delle “morti misteriose” al Santa Rita, indicava l’ex primario come una persona cinica, senza scrupoli, interessata solo al denaro e che per denaro avrebbe operato persone malate terminali solo allo scopo di ottenere rimborsi. Interventi inutili su pazienti già moribondi e che in alcuni casi forse avrebbero potuto vivere qualche mese ancora ma che sarebbero stati uccisi proprio dall’intervento. Per questi atti deliberatamente crudeli la Corte d’Assise ha condannato l’uomo all’ergastolo con 3 anni di isolamento diurno, mentre lo ha prosciolto da altre accuse risultate infondate.

Interdetto a vita da qualsiasi carica e dai pubblici uffici già in passato, a causa di truffa e di accuse di lesioni, oggi si aggiunge l’aggravante dell’omicidio eseguito con crudeltà. Tra 90 giorni si saprà di più sulle motivazioni e possibilmente ci saranno altri ricorsi, ma per il momento la pesante condanna rimane e Brega Massone si trova già in stato di arresto perchè “sussisteva un reale pericolo di fuga”. Insieme a Brega sono stati condannati Fabio Presicci e Marco Panzera, medici aiutanti, che dovranno scontare 30 e 26 anni di carcere mentre hanno ricevuto pene più lievi gli altri addetti ai lavori, tra cui alcuni anestesisti. Sono previsti anche dei risarcimenti che vanno da 10.000 fino a 100.000 euro.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico