Home » Benessere » Sangue artificiale: sarà pronto fra tre anni

Sangue artificiale: sarà pronto fra tre anni

Sarebbe la soluzione per molte emergenze, inclusa quella della carenza di sangue durante certi periodi dell’anno, o quella legata ad alcuni tipi di credo religioso che rifiutano categoricamente le trasfusioni. Il sangue artificiale potrebbe essere presto una felice realtà, dato che ormai da anni diversi studi si stanno concentrando in questa direzione. E in un’era in cui ormai si “creano dal nulla” anche parti del corpo umano, la produzione di sangue su scala industriale traendolo dalle cellule staminali umane non è più utopia.

La produzione di sangue artificiale viene finanziata attualmente dal Wellcome Trust Centre (Inghilterra) e il prodotto che sta per essere elaborato e messo sul mercato dai ricercatori che lavorano a questo progetto sarà immediatamente adatto alle trasfusioni e alle cure cliniche. Il leader della ricerca è il dottor Mark Turner, il quale ha messo a punto una produzione di sangue tramite staminali maturate in condizioni simili a quelle del corpo umano e dunque, quando entrano in circolo, sono già abituate all’ambiente e in grado di adattarsi all’istante. Il sangue prodotto è un tipo 0.

Quello che differenzia questo sangue artificiale da altri studiati da altre ricerche nel mondo è proprio la particolarità di questo immediato adattamento, garantito da condizioni di sicurezza appositamente volute, pensate per ottenere un prodotto immediatamente utilizzabile per trasfusioni umane senza altri aggiustamenti. La sperimentazione dovrebbe aver termine entro la fine del 2016 e al massimo per il 2017 potremmo avere sul mercato questo nuovo prodotto medico. Ne faranno uso principalmente i malati di talassemia, i casi di emergenza, i pazienti sottoposti a operazione chirurgica. Un’altra sfida importante di questa ricerca inglese sarà quella di rendere accessibile -come prezzo- la diffusione del sangue artificiale, ad oggi purtroppo molto costosa. E di farlo prima che arrivino gli altri ricercatori che stanno seguendo le stesse linee guida in altri Paesi del mondo.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico