Home » Benessere » "Hannah Montana" in ospedale per allergia a un farmaco

"Hannah Montana" in ospedale per allergia a un farmaco

Per i più anziani è la “figlia di Billy Ray Cyrus”, pop star della canzone americana di un ventennio fa. Per i giovani è “Hannah Montana”, personaggio di una sit-com musicale interpretato da lei, insieme al padre. Ma per tutti noi, oggi, lei è soltanto Miley Cyrus, attrice e cantante ventiduenne divenuta un fenomeno mediatico durante gli ultimi cinque anni e ricoverata d’urgenza qualche giorno fa per uno strano malore.

La Cyrus si è sentita male il 16 aprile, durante una delle tappe del suo Bangerz World Tour 2014. Aveva avuto l’influenza e per non far saltare il concerto, già tutto esaurito, ha preso un semplice antibiotico. Subito però le sue condizioni si aggravano, viene portata in ospedale e nessuno sa a cosa sia dovuto quel malore. Dopo un’indagine su più fronti si capisce che la colpa è proprio di quell’antibiotico (il Cephalexin, cioè cefalosporina) ottimo per curare la sinusite ma tossico per alcuni soggetti che ne sono allergici. Miley Cyrus lo era e ha avuto di fatto una reazione molto simile allo shock anafilattico.

La star ora resterà in osservazione per alcune settimane, per eliminare ogni possibile dubbio ma di sicuro i medici dell’ospedale di Kansas City dove è stata curata saranno paragonati al noto “Dottor House” perchè hanno agito proprio come lui. Hanno condotto una vera e propria indagine, considerando i vari elementi, scartando quelli superflui, analizzando i sintomi e riducendo le possibilità fino a trovare il “colpevole”. Un lavoro di squadra che ha salvato la vita alla giovane diva tanto amata dai ragazzini e che le ha fatto scoprire un’allergia di cui non sapeva di soffrire. In futuro, Miley Cyrus dovrà dunque fare attenzione alle sostanze che assume quando si cura … un’attenzione che dovremmo avere tutti, sempre, leggendo con attenzione i foglietti informativi.

admin

x

Guarda anche

Yoga, benefici per grandi e piccini

Lo yoga fa bene a grandi e piccini. A rivelarlo è uno studio dell’Università canadese ...

Condividi con un amico