Home » Benessere » Aborti, fenomeno in aumento e sempre meno medici disponibili

Aborti, fenomeno in aumento e sempre meno medici disponibili

Prendiamo a esempio solo Milano, una grande città, ma che funge da punta di un enorme ice-berg che è l’Italia del XXI secolo … paradossalmente sempre più abortista ma sempre meno attenta alla educazione sessuale! Nell’ultimo anno, al Niguarda di Milano, sono rimasti solo due medici non obiettori (ovvero disponibili a praticare un aborto), gli altri quattordici si rifiutano categoricamente per motivi etici o religiosi.

Niguarda così può garantire 780 aborti l’anno, contro i 1.300 del Mangiagalli e i 1.200 del Melloni. Il direttore del Niguarda sta chiedendo aiuto ai colleghi di altri ospedali e delle cliniche perchè ormai vengono accettate solo 20 richieste la settimana. “Solo” è una parola grossa, perchè se per un ospedale queste sono cifre irrisorie per l’opinione pubblica possono sembrare enormi. E lo sono. Ogni settimana dell’anno, venti donne decidono di interrompere una gravidanza … e questo soltanto a Milano. E nel resto d’Italia?

Gli aborti sono in aumento. Complici tanti fattori: la crisi economica che non permette più di accogliere nuovi figli da sfamare, la disperazione di tante donne sole, le giovani immigrate che magari vengono abusate, le ragazzine che restano incinte al primo appuntamento … . Gli aborti aumentano e nessun medico vuole intervenire. Non sarebbe nemmeno un dramma se si potesse prevenire tutto questo con una sana e intelligente campagna educativa che insegni -alle giovanissime e alle donne più povere- come gestire un rapporto sessuale. Dopo il picco della “sicurezza” degli anni Ottanta e Novanta, nel Duemila le nuove generazioni snobbano preservativi e pillole contraccettive, ridono delle lezioni di educazione sessuale e nessun adulto è in grado di seguirle e di consigliarle. Se si tornasse ad affidarsi al preservativo, alla cautela, alla saggezza (e magari a un po’ di astinenza!) non si arriverebbe al dramma dell’aborto. Che, ricordiamo, è comunque un trauma fisico e mentale per la donna.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico