Home » Benessere » Mangiare pesce, un buon sostituto degli antidepressivi

Mangiare pesce, un buon sostituto degli antidepressivi

Un buon sostituto naturale ai farmaci antidepressivi? Il pesce! Le creature marine, in particolare alcuni tipi di pesce, avrebbero caratteristiche che agiscono sul cervello e lo aiutano a superare ansie, panico e tristezza. Ma attenzione: se siete maschi il metodo funziona molto meno, mentre nelle donne ha effetti più che positivi. Come mai questa differenza di sesso?

Sappiamo ormai tutti che il pesce è ricco di omega3, gli acidi grassi che si legano principalmente agli estrogeni e dunque agiscono molto meglio nel corpo delle donne. Le donne, tra l’altro, anche per problemi ormonali, sono più predisposte degli uomini alla depressione e agli sbalzi emotivi che la precedono, al punto che le donne soffrono di depressione in numero due volte maggiore rispetto ai maschi. Una caratteristica naturale che viene aggravata dai compiti pesanti (casa, figli, lavoro, carriera) che le donne affrontano ogni giorno.

Le donne si scoraggiano più facilmente e pensano spesso al suicidio (ma non lo fanno, contrariamente all’uomo che se lo pensa lo fa) e sicuramente si autodistruggono in cento modi diversi, anche con quelle malattie strettamente legate alle abitudini alimentari come anoressia, bulimia, inappetenze nervose. Mangiare pesce può aiutare moltissimo a riequilibrare questi sbalzi, sia per la bontà della carne, sia per le proprietà che presenta, sia perchè è un cibo leggero che non appesantisce. Il senso di pesantezza porta alla sonnolenza, alla svogliatezza e dunque favorisce la depressione mentre sentirsi sazi ma leggeri aiuta a ritrovare energie e positività.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico