Home » Benessere » Salute bambini: in Italia non hanno diritto agli antidolorifici

Salute bambini: in Italia non hanno diritto agli antidolorifici

I pediatri europei si stanno incontrando in Spagna, a Minorca, per parlare dei diritti dei piccoli malati. E dai dati in discussione risulta qualcosa di veramente assurdo che riguarda il nostro Paese. In Italia i bambini sembra che non abbiano diritto ad aver lenito il dolore! Da una ricerca condotta su 19 tra i maggiori Pronto Soccorso italiani si evince che più della metà dei minori (che per il 90% vengono ricoverati per forti dolori) non riceve trattamento antidolorifico e per uno su cinque nemmeno viene segnato in cartella clinica!

Si sta pensando così di diffondere un video informativo, per i parenti dei minori ma anche per i medici, in cui si spiega come e perchè applicare un trattamento antidolorifico e su quale scala applicarlo ai minori. Esiste ancora molta paura di somministrare farmaci forti, come gli antidolorifici, ai bambini ma da qui a non farlo mai ce ne corre. L’Italia purtroppo non è tra i primi posti in Europa per la filosofia del trattamento del dolore, non si sa per quale ragione i nostri malati devono soffrire! Lenire il dolore con la morfina porta dipendenza, ma poche alternative vengono considerate, meno che mai i derivati dalla cannabis che creano continue polemiche, nonostante molte regioni li stiano man mano adottando.

Il dolore, nei minori più che mai, va trattato come un sintomo e non come una conseguenza. Solo così si avrà la giusta attenzione nel gestirlo e solo così miglioreranno le condizioni dei nostri ospedali. Curare il dolore accelera la guarigione, ormai è sicuro e provato. E mentre l’Europa si affida sempre più agli oppioidi, anche per curare i bambini, in Italia i pediatri devono combattere con divieti e pregiudizi e fare petizioni anche per riportare in uso il protossido di azoto, gas antidolorifico necessario e facilmente gestibile sui minori … che però incredibilmente l’AIFA ha vietato.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico