Home » Benessere » Mente e corpo: ecco perché gli ex detenuti vivono di meno

Mente e corpo: ecco perché gli ex detenuti vivono di meno

Come si intreccia la medicina con la criminologia? Conosciamo tutti le imprese (televisive e reali) di CSI oppure degli italianissimi RIS. Sappiamo che la medicina aiuta a smascherare omicidi, che l’autopsia svela misteri su morti violente e così via. Ma non avevamo ancora visto la medicina applicata alla criminologia come diagnostica, prima che uscisse lo studio del criminologo americano William A. Pridemore.

Professore presso l’Università di Georgia (USA), Pridemore ha condotto una ricerca sullo stato di salute dei detenuti, prima, durante e dopo la prigionia e ha stabilito che la prigione inficia la salute delle persone al punto che gli ex detenuti (soprattutto gli uomini) muoiono molto prima rispetto a chi ha la fedina pulita. Persone che sono state arrestate e poi rilasciate hanno insomma il doppio delle probabilità di morire prematuramente. Le motivazioni sono leggibili sulla rivista “Journal of Health and Social Behavior” e riguardano infezioni, malattie mal curate, overdose e omicidio. Naturalmente le ultime due varianti si riferiscono principalmente alla vita del soggetto dopo il rilascio, mentre le prime due possono aver inizio in carcere, in base alle condizioni di igiene e di salute che ogni struttura carceraria pratica al suo interno.
Le nuove cause di mortalità che si aggiungono a quelle già elencate includono il ritorno della TBC e l’HIV, spettro mai sopito della malattia del secolo, e ovviamente anche una buona dose di stress che nasce dalla durezza dell’ambiente. Lo stress spesso segue il detenuto anche quando esce di prigione e stenta a reinserirsi nel mondo del lavoro, rendendo il suo sistema immunitario più debole e vulnerabile. Dunque, in questo caso, le schede mediche di un detenuto possono diagnosticare, prevedere -e prevenire- un peggioramento della sua salute e porvi rimedio non appena uscirà.

admin

x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico