Home » Benessere » Blitz animalista a Milano: scritte contro la ricerca

Blitz animalista a Milano: scritte contro la ricerca

Un nuovo blitz di quelli che si definiscono “amici degli animali” ma che in realtà non sono amici di nessuno, meno che mai di se stessi e della loro vita. Se lo fossero, saprebbero che la ricerca sugli animali (e non la vivisezione, che è vietata per legge da anni) ha contribuito a salvare moltissime persone e anche moltissimi animali da morte certa. Se fossero amici della vita di tutti, saprebbero che la scienza lavora per il bene e non per il male del pianeta.

Ma non sono amici di niente e di nessuno, quelli che agiscono di notte come i ladri, con blitz in stile terroristico come quello che la notte scorsa ha lasciato la scritta “vivisettori assassini” e schizzi di vernice rossa sul muro dell’Università Statale di Milano, vicino all’ingresso di via Balzaretti. Un blitz analogo è avvenuto in via Viotti, sede del dipartimento di Biotecnologie Mediche. Attacchi diretti alle strutture ma principalmente alla ricercatrice Elena Cattaneo, che in quel quartiere lavora. La sua colpa? Quella di aver difeso la sperimentazione sugli animali.

I “vivisettori”, secondo chi ha commesso il blitz, sarebbero i ricercatori che ogni giorno spendono il loro tempo per salvarci dal cancro, dalle malattie denegenerative, dall’AIDS, dalle epatiti. Non sanno, o fingono di non sapere, questi soggetti, che la sperimentazione sugli animali segue ormai regole rigide che impediscono la sofferenza sulle bestiole, che non superano mai determinati limiti. Non sanno, o fingono di non sapere, che sperimentando nuove cure su animali già malati, i ricercatori salvano la vita prima a gli animali e poi all’uomo. Non sanno, o fingono di non sapere, che “liberando” questi animaletti che vivono in laboratorio si mette in pericolo la loro vita … non essendo abituati a cavarsela nelle strade o nelle campagne come gli animali selvatici. Non sanno, questi “animalisti d’assalto” o fingono di non sapere che se la loro ragazza o loro padre o i loro figli fossero affetti da una grave malattia, i farmaci che loro supplicherebbero per avere vengono proprio da questi laboratori.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico