Home » Benessere » Malaria, progressi della ricerca anche grazie agli anticorpi speciali dei bambini

Malaria, progressi della ricerca anche grazie agli anticorpi speciali dei bambini

La malaria è una malattia infettiva che si trasmette esclusivamente tramite la puntura di zanzare già infette, zanzare del tipo Anopheles, diffuse soprattutto in Africa, India e alcune zone dell’America Latina. Una malattia che non ci riguarda, dunque, noi fortunati che viviamo in Europa. Eppure l’ultimo morto di malaria è un pescatore italiano rientrato da pochi mesi da una spedizione di lavoro in Africa Orientale. L’uomo, siciliano di Ragusa, è deceduto a causa delle complicazioni lasciate dalla febbre malarica che lo aveva colpito in Ghana.

Dunque la malaria ci riguarda, sì. Anche se non è contagiosa, anche se è facilmente circoscritta e la ricerca sta tentando nuove strade per capirne di più e per trovare una cura che possa agire ancora meglio e più in fretta di quelle attuali. Uno studio recente, condotto su 100 bambini della Tanzania, avrebbe alimentato qualche speranza sul mito mai tramontato di ottenere un vero e proprio vaccino universale anti malaria. Che succede in Tanzania? Stranamente alcuni bambini nati in quel Paese si dimostrano immuni alla puntura dell’Anopheles.

Lo hanno scoperto alla Brown School University of Medicine, dove per uno studio di argomento diverso sono stati analizzati alcuni campioni di sangue di bambini nati in Tanzania i cui anticorpi riuscivano stranamente a intrappolare il parassita. Tentando di iniettare questi anticorpi su animali infettati dalla malaria si è visto che effettivamente riuscivano a combattere meglio la malattia e la loro sopravvivenza raddoppiava. Un altro studio condotto in Sud Africa, ha evidenziato come un medicinale su cui si sta sperimentando un primo tentativo di vaccino stia avendo effetti molto buoni sui neonati, proteggendoli dalla puntura infetta fino a 18 mesi dopo l’inoculazione. Se i primi passi sono diretti nel verso giusto si capisce anche da questi piccoli successi: salvare la vita ai neonati è una prima grande vittoria verso un successo più ampio che potrà comprendere anche gli adulti.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico