Home » Benessere » Autismo: si potrà diagnosticare con un'App

Autismo: si potrà diagnosticare con un'App

Autismo e bambini, un tema sempre più trattato. Si conosce di più, ormai, di questa malattia salita agli onori della cronaca con il bellissimo film “Rainman” e da allora (erano gli anni Ottanta) sempre più approfondita. Si è scoperto man mano che gli autistici vivono in un mondo “nascosto” ma che non è impossibile aprire, si è visto che la loro condizione potrebbe anche essere dovuta a una anomalia fisica che li rende iper-sensibili al tocco. Tante le ipotesi, poche le risposte … ma la ricerca si impegna sempre più.

Forse sarà possibile affidarsi alle “macchine” -in un prossimo futuro- per capire meglio l’autismo, per individuare i sintomi e magari provare ad alleviarli. Lo dice una ricerca della Duke University, North Carolina (USA) già pubblicata sulla rivista medica Autism Research and Treatment. Dopo anni di studio e osservazioni, la ricerca ha provato ad affidarsi alla nuova tecnologia digitale anche per vincere l’autismo o per provare a capirlo meglio, dato che una vittoria su questa malattia, purtroppo, sembra ancora lontana.

Così, i ricercatori americani hanno lavorato su un software, un’applicazione, che sarebbe in grado di monitorare via video la potenziale presenza di autismo nei bambini. Siamo dunque nel campo diagnostico, finora affidato alle impressioni di genitori e medici ma oggi sostenuto anche dalla precisione del computer. La App, da poco creata, riesce a studiare i comportamenti dei bambini ripresi in video mentre giocano e, comparando movimenti e statistiche simili, capisce se quell’atteggiamento possa essere dovuto ad autismo o solo a un caso. In futuro, questo metodo di osservazione potrebbe anche essere messo sui tablet, sebbene questa sia ancora una idea in fase sperimentale. Naturalmente la precisione della macchina andrà completata dal ragionamento di un esperto umano, perchè il computer valuta freddamente ma un genitore, un medico di famiglia può anche smentirlo, se la diagnosi fosse azzardata. Di sicuro c’è soltanto che sapere in anticipo se il bambino soffre di autismo significa poterlo aiutare prima e meglio. E forse evitare che si aggravi.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico