Home » Benessere » Chat, sms e il rischio di diventare ciechi

Chat, sms e il rischio di diventare ciechi

Finora è solo un caso, quindi niente allarmi… bisogna verificare. Ma quello che è successo a un ragazzo cinese di 26 anni fa temere che vi sia un fondato rischio di danneggiare gli occhi se si esagera con i messaggini da cellulare. Il giovane scambiava messaggi con la fidanzata grazie a una delle tante chat ideate per i nuovi telefonini quando ha improvvisamente avuto problemi alla vista. Corso a farsi visitare ha scoperto di aver subito un distacco della retina!

Il distacco della retina non è una rarità: avviene in persone predisposte, in chi ha già avuto problemi di miopia, ma anche in chi sforza gli occhi in eccesso. Si presenta con sintomi ben precisi come la visione di fasci luminosi o di puntini scuri o con un improvviso peggioramento della vista su molti fronti, tutti insieme. La sensazione più comune è quella di avere “una tenda davanti”. Ma se tutto questo sia da collegare a “WhatsApp” o a “WeChat” e a come le usiamo non è ancora sicuro.

E’ possibile che c’entri qualcosa, in fondo per messaggiare col cellulare dobbiamo tenere una posizione del capo anomala, sempre protesa verso il basso e con l’occhio sempre in movimento. In più, i nuovi cellulari hanno colori e stimoli più rapidi, che stressano l’occhio anche se noi non ce ne rendiamo conto perchè i problemi alla retina non portano mai dolore. Però qualcosa di doloroso può avvertirci che stiamo esagerando: l’insorgere di mal di testa, di mal di collo, di nausea sta ad indicare che non stiamo usando il telefono nella posizione corretta (ovvero di fronte al viso e più vicino al mento) oppure che lo stiamo usando un po’ troppo. E allora ogni tanto stacchiamo, chiudiamo le chat e diamo appuntamento ai nostri amici al bar. Farà bene ai nostri occhi e alla nostra voglia di socializzare.

admin

x

Guarda anche

Ecco la “vigoressia”, la dipendenza dalla ginnastica del web

Meglio energia che “vigoressia”. E’ una frase che molti medici, ma anche psicologi, ripetono spesso ...

Condividi con un amico