Home » Benessere » Le pillole al licopene che sostituiscono il pomodoro

Le pillole al licopene che sostituiscono il pomodoro

Una pillola “al pomodoro” non per scopi curativi ma per supporto alle cure già esistenti. Una sorta di integratore, insomma, per rafforzare le qualità del pomodoro (che andrebbe mangiato più spesso) e per sostituirlo in chi non può mangiarlo mai. Sono pillole a base della sostanza principale del pomodoro, il licopene, che lo rende così rosso.

Il nuovo farmaco, creato dai ricercatori di Cambridge, è stato testato su 72 soggetti adulti, parte dei quali malati di patologie cardiocircolatorie. Di ogni persona erano stati registrati i parametri prima, durante e dopo il test e tali parametri consistevano in pressione arteriosa, rigidità arteriosa, flusso di sangue nell’avambraccio, livelli di grassi nel sangue.
Metà del gruppo, senza sapere chi, doveva assumere per 2 mesi la nuova pillola mentre l’altra metà un placebo. I risultati venivano poi confrontati col gruppo di controllo che non aveva patologie cardiache. Alla fine, chi aveva seguito la terapia di supporto col licopene vedeva migliorare in modo considerevole il flusso di sangue dell’avambraccio e dunque cadeva il rischio di attacchi cardiaci e ictus, ma per gli altri parametri non si registravano gli stessi benefici. Eppure i ricercatori sono sicuri che è proprio questa la strada giusta e che gli studi vadano soltanto migliorati e ampliati per capire cosa non funziona e perchè. Nell’attesa di nuovi risultati, consumare pomodori naturali e altri frutti rossi, forniti dunque di licopene, non sarebbe una cattiva idea.

admin

x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico