Home » Benessere » Fanno sesso via telefono e nella realtà, ma escludono i sentimenti

Fanno sesso via telefono e nella realtà, ma escludono i sentimenti

Si scattano le foto mentre sono nudi, si scambiano testi e video pornografici, a volte si riprendono mentre si masturbano … La nuova tristissima moda dei ragazzini è quella del “sexting”, un misto tra la parola sex, sesso, e il texting (messaggiare). Una moda che li scaraventa troppo in un mondo da adulti pervertiti dove il sesso e le emozioni che dona sono usati come merce di scambio: tu mi passi il compito e io ti mando la foto del mio seno, tu mi paghi la merenda e io mi eccito con te.

Si sta analizzando questo fenomeno preoccupante, non solo negli USA ma in tutto il mondo soprattutto perchè inizialmente si credeva che il “sexting” fosse solo una pratica virtuale, una sorta di sfogo che rimaneva confinato nelle fotografie. Ma oggi si scopre che i ragazzi che lo praticano conoscono molto bene il sesso, quello vero, anche al di fuori del mondo virtuale. Gli adolescenti che si dedicano a questa moda, infatti, hanno sei volte in più di probabilità di essere sessualmente attivi.

Lo rivela la rivista PEDIATRICS dopo una ricerca condotta dalla University of Southern California che ha coinvolto 1.300 ragazzi di età compresa tra 12 e 20 anni. In effetti, valutando le risposte ai test e l’osservazione, si è avuta conferma che i teenanger che mandano più messaggini a sfondo sessuale sono quelli che il sesso lo praticano già in modo attivo e se non lo hanno ancora fatto hanno 4 volte in più di probabilità di farlo entro l’anno. Il problema è grosso e non riguarda tanto il “fare sesso” quanto il fatto che lo si fa senza conoscerne le conseguenze, senza capire nè usare i metodi contraccettivi ma peggio ancora senza coinvolgere le emozioni. In questo modo anche uno stupro (sesso violento senza amore) può essere considerato “uno scambio” tra i ragazzi, non più abituati a dare il giusto valore alle cose.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico