Home » Benessere » Approvato il Patto della Salute tra stato e regioni

Approvato il Patto della Salute tra stato e regioni

Come promesso, il Patto della Salute è stato approvato nella Conferenza Stato-Regioni prima della fine del mese di luglio. Il ministro Lorenzin ci contava, lo aveva detto, ed è stato finalmente fatto. Il patto rappresenta un passo molto importante affinché tutti si impegnino a mantenere il modello sanitario italiano, gratuito ed efficiente, in modo tale da premiare soprattutto regioni e strutture che in questi anni hanno raggiunto l’eccellenza nei servizi.

Il patto prevede un finanziamento 2014-2016 che inizierà in sordina, quest’anno, con finanziamenti uguali a quelli dello scorso anno ma con l’obiettivo di crescere fino a 115 miliardi di euro entro il 2016. Tra le sue normative, la completa assunzione degli standard ospedalieri stabiliti a suo tempo dal Decreto “Balduzzi”, un’intesa con le Regioni sull’applicazione della Continuità Assistenziale a Domicilio e anche un’intesa sulla riabilitazione. Importante che tutti si impegnino anche a rendere i servizi medico-sanitari più vicini possibile al paziente e alle sue esigenze, una umanizzazione dell’offerta insomma.

Ci saranno anche delle novità come le Unità Complesse di Cure Primarie (UCCP) e le Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFN), ovvero dei servizi offerti in collaborazione tra vari specialisti (come medici generali, pediatri, personale sanitario) per offrire cure anche a domicilio in casi particolari. L’esperimento punta a far sì che un domani questi due elementi si fondano in uno solo e diano il via a un vero e proprio punto di riferimento per le cure di emergenza, per la prevenzione, per l’assistenza nelle malattie croniche ma anche per sgravare gli ospedali di tanti ricoveri inutili che occupano posti importanti. Insomma un modo per snellire e velocizzare la sanità, garantendo il meglio ai pazienti ma anche a chi lavora nel campo ospedaliero.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico