Home » Benessere » Tra le vittime del disastro aereo in Ucraina, anche un padre della lotta all'AIDS

Tra le vittime del disastro aereo in Ucraina, anche un padre della lotta all'AIDS

La guerra tra Ucraina e Russia ha ucciso 290 persone innocenti che sorvolavano quel cielo a bordo di un aereo civile. Tra loro, diverse menti della medicina europea che si recavano in Australia per un importante convegno sull’AIDS. E con loro è morto anche Joep Lange, pioniere della ricerca su questa malattia, che avrebbe dovuto parlare a quel convegno in qualità di uno tra i massimi esperti mondiali. Dal 2002 al 2004 è stato presidente dell’International Aids Society, che tra l’altro aveva organizzato proprio quest’ultimo incontro di Melbourne.

Incontro che non si è fermato, ma sta andando avanti nonostante le gravi perdite proprio perchè la lotta all’AIDS non si ferma mai, e anzi il sacrificio di queste vite umane e di queste menti servirà a spronare ancor di più. Il dottor Lange aveva cominciato a combattere l’AIDS poco dopo la laurea, già dal 1982 era attivissimo ad Amsterdam dove aveva fondato Pharma Access, una società senza scopo di lucro che mirava a facilitare l’accesso alle cure mediche per tutti i malati sieropositivi. Prestava la sua voce a quei malati più poveri che non avevano diritto a molti vantaggi ed era un punto di riferimento per molti.

Con lui, su quel drammatico volo della Malaysian Airlines, è morta anche la moglie, una famiglia distrutta alla quale sopravvivono cinque ragazze rimaste in Olanda. Il mondo intero sarà per sempre debitore al dottor Lange e alle sue di 350 pubblicazioni nel campo delle terapie antiretrovirali, che lo hanno spinto a fondare la rivista accademica Antiviral Therapy, anche questa molto apprezzata nel mondo scientifico. Molte persone cresciute alla scuola di Lange erano su quell’aereo, e questo forse spiega l’incredibile serenità con cui l’Olanda sta affrontando la vicenda, una vicenda che fa rabbia dentro l’anima, ma che il Paese di Lange sta affrontando col suo stesso spirito: tolleranza e collaborazione, non odio.

admin

x

Guarda anche

Una “buona” cura preventiva per l’infarto? Lo yogurt

Mangia yogurt e campa cent’anni. O per lo meno, se ti ammalerai, non sarà per ...

Condividi con un amico