Home » Benessere » Una regione del cervello "decide" quando riprendiamo conoscenza

Una regione del cervello "decide" quando riprendiamo conoscenza

Come funzionano i farmaci che usano i medici per addormentare i pazienti? E perchè, tolti questi farmaci, i pazienti riprendono la coscienza? In generale, capire cos’è che fa riattivare la coscienza potrebbe aiutare a capire i tempi e i modi di ripresa da uno svenimento, o la reazione ad alcuni farmaci e non altri. Aiuterebbe anche a capire alcune esperienze di “pre morte”, quando il paziente vede e sente quello che succede in sala operatoria, e che si sospetta siano legate a una scarsa sensibilità all’anestetico. Ecco perchè è importante lo studio pubblicato sulla rivista ‘Anesthesiology’ che ha scoperto la principale regione coinvolta in questo processo, l’area tegmentale ventrale (Vta).

Esperimenti condotti sui topi hanno permesso di capire come funziona. Negli animali anestetizzati, per esempio, basta stimolare elettricamente questa regione per causare il risveglio anche senza manipolare i farmaci sedativi. Insomma, forse in futuro si potrà risvegliare un paziente dopo un intervento con una sola mossa, senza fargli trascorrere uno o due giorni in terapia intensiva. I medici, per lavorare in piena sicurezza, solitamente addormentano il paziente per un tempo più lungo di quello necessario all’intervento. Dunque il soggetto continua a “dormire” anche quando l’operazione è finita e per svegliarlo occorre aspettare che smaltisca il farmaco. Oppure bisogna iniettargli farmaci che stimolino la ripresa, il che comunque è una violenza per il corpo.

Nei test condotti su questi topi, invece, i ricercatori non hanno nè aspettato nè usato farmaci risveglianti ma hanno solo eccitato con un elettrodo le regioni che rilasciano la dopamina, la Vta e la substantia nigra, e i soggetti hanno subito ripreso la coscienza e senza periodi di confusione che invece caratterizzano il ritorno dall’anestesia. Dunque è proprio la Vta la responsabile del risveglio dalla perdita di coscienza. Resta da capire perchè e come avviene questo, e come mai i ritmi sono diversi in base all’evento e all’individuo. Che cosa scatena le cellule della Vta facendo decidere loro quando riattivare la coscienza? E’ la domanda del futuro.

admin

x

Guarda anche

Trapianto tra soggetti incompatibili? Ora si può

Il pericolo maggiore, in un trapianto di qualsiasi tipo, è il rigetto. Può avvenire più ...

Condividi con un amico