Home » Benessere » Allergia al nickel: in Italia si sperimenta vaccino in pillole

Allergia al nickel: in Italia si sperimenta vaccino in pillole

L’allergia al nickel è una delle più diffuse, al momento, dopo quella ai pollini. Il nickel si trova in moltissimi oggetti di uso quotidiano, inclusi gioielli e cellulari, ma anche in alcuni alimenti. Quando un soggetto è allergico al 100% deve anche smettere di mangiare alcuni tipi di cibi, e in questo caso si parla di una allergia “sistemica”. Per queste persone però pare siano in arrivo notizie confortanti, ovvero un “vaccino” che attualmente è in sperimentazione su alcuni soggetti.

I test sono in corso presso l’Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma in collaborazione con l’Università di Chieti e i primi risultati stanno cominciando ad arrivare, con notizie molto positive. Si chiama “terapia orale di iposensibilizzazione al nickel” e viene data a pazienti con sindrome allergica sistemica al nickel (SNAS) sotto forma di pillole. I pazienti, che in alcuni casi soffrono di dermatite allergica da contatto e reazioni cutanee e gastrointestinali, vedevano questi sintomi aumentare dopo l’ingestione di alcuni cibi contenenti nickel (tra cui pomodori, cioccolato in polvere, legumi, cibi in scatola, caffé e té). Le pillole per la iposensibilizzazione stanno dando risultati efficaci nella diminuzione dei sintomi soprattutto quelli intestinali e della pelle.

La sperimentazione viene coordinata dalla equipe del dottor Domenico Schiavino, direttore dell’Unità Operativa di Allergologia del Policlinico Gemelli di Roma, il quale ci ricorda che l’allergia al nickel riguarda il 30% della popolazione, e di questo 30% un 20% è allergico anche agli alimenti, cosa che rende la loro vita molto più difficile. Il vaccino sta dimostrando ottimi risultati nell’alleviare i bruciori intestinali e alcuni sfoghi cutanei in questo 20% di soggetti, mentre pare abbia poco effetto su chi soffre soltanto di dermatite da contatto dovuta al nickel. In ogni caso si tratta di una base sulla quale costruire studi futuri che potranno risolvere anche questo anello mancante.

admin

x

Guarda anche

Ecco cosa mangiare per guidare senza colpi di sonno

Ci sono molte persone che ormai coprono grandi distanze per andare da casa al lavoro. ...

Condividi con un amico