Home » Benessere » Acufene: nelle donne, li cura la caffeina

Acufene: nelle donne, li cura la caffeina

L’acufene è un disturbo dell’udito che si contraddistingue per un fastidioso e continuo ronzio -o fischio- all’interno dell’orecchio. La persona non riesce a sentire suoni, parole, alcuni timbri di voce e di fatto non può più condurre una vita normale. A volte non può più nemmeno guidare. Non esistono cure riconosciute, sebbene qualche sollievo lo dona l’apparecchio acustico, ma una ricerca condotta a Boston (USA) avrebbe dimostrato che nelle donne un certo effetto curativo lo ha la caffeina.

Non si sa ancora il perchè, dato che lo studio è anche finito da poco dopo un’osservazione durata 18 anni su un campione di 65.000 donne di età compresa tra i 30 e i 44 anni. Tutte pazienti del “Nurses’ Health Study II” (NHS II), le donne non soffrivano inizialmente di acufene ma col tempo il disturbo si è manifestato in una percentuale di loro. Tra i dati raccolti nel corso di questa lunga ricerca c’erano anche casi di acufene “temporaneo” (pochi giorni, poche settimane) e casi definitivi. Si è cominciato a vedere un collegamento tra certi miglioramenti e l’assunzione di caffeina da parte delle pazienti. In particolare, tra le donne che hanno consumato 450-599 mg al giorno di caffeina l’incidenza del disturbo era inferiore del 15%, rispetto alle donne che assumevano una quantità di caffeina inferiore a 150 mg/giorno (circa una tazza e mezza di caffè). I risultati si mantenevano stabili a prescindere dalle età, simili per tutte.
Come detto sono in corso ulteriori studi per capire come mai questo effetto benefico si manifesti solo sulle donne e solo tramite il caffé. La caffeina stimola il sistema nervoso centrale, questo si sapeva, ma non si era ancora capito che potesse avere effetti importanti sull’orecchio interno. Una scoperta che va sicuramente approfondita e magari ampliata anche a un campione maschile.

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico