Home » Benessere » Studio del genoma potrebbe rivoluzionare la diagnosi del cancro

Studio del genoma potrebbe rivoluzionare la diagnosi del cancro

Uno studio del genoma per individuare il rischio cancro e sconfiggere la malattia prima che si presenti. Una rivoluzione alla quale si lavora da tempo, impiegando le migliori menti della ricerca mondiale. Il successo pare sia prossimo se si confermeranno le scoperte avvenute grazie a The Cancer Genome Atlas (TCGA), un’iniziativa promossa dal National Cancer Institute and National Human Genome Research Institute. Questo nuovo studio dichiara che un malato di cancro su dieci potrebbe beneficiare di una diagnosi più precisa se il suo tumore venisse definito da criteri cellulari e molecolari.

Attualmente ci si basa su studi e previsioni che si fanno sui tessuti da cui la malattia ha avuto inizio, e in base al tessuto si classificano anche le malattie (cancro al seno, alla vescica, al rene, ecc.). Ma i tessuti del seno, del rene e così via sono formati da tipi di cellule diverse. Non è detto che un cancro che colpisca una di queste cellule possa colpire anche l’altra, e viceversa. I ricercatori che hanno condotto questa esplorazione del genoma hanno fornito nuovi dati su cui basare -forse- la futura ricerca mondiale sul cancro. Lo studio non è ancora completo e non ci sono state prove di contro-valutazione, quindi è presto per parlare ma potrebbe essere davvero una via iniziale per un nuovo modo di contrastare il cancro.

Grazie alla mappa completa delle caratteristiche molecolari che distinguono ciascuna delle classi di cancro sono stati osservati fenomeni nuovi e interessanti su alcuni tipi di malattie, come ad esempio il cancro alla vescica e al seno. Per ognuna delle malattie esistono almeno tre o quattro sottotipi: uno legato all’età e dunque all’invecchiamento cellulare, uno legato a cellule che si trovano nella pelle, uno legato a cellule polmonari e dunque completamente diverso dal tessuto base che caratterizza quelle parti del corpo. Sapere questo aiuterà ancor di più a personalizzare e mirare le cure, invece di bombardare di chemioterapia alla cieca ogni parte del corpo.

admin

x

Guarda anche

Luce tablet e smartphone minaccia riposo dei più giovani

La luce di tablet e smartphone mette a rischio il riposo dei più giovani. L’allarme ...

Condividi con un amico