Home » Benessere » Emilia Romagna: stop all'eterologa senza l'OK del governo

Emilia Romagna: stop all'eterologa senza l'OK del governo

La legge 40 che proibiva la fecondazione eterologa è stata dichiarata incostituzionale. Il ministro Lorenzin sta pensando alle linee guida per applicare tale fecondazione anche in Italia. Detto così sembra tutto perfetto, tutto accettato e pronto all’uso ma non è così. E solo l’altro ieri il governo ha dichiarato che non si dovrà applicare l’eterologa in Italia senza una apposita legge. Come a dire: va bene, il divieto è sbagliato, la fecondazione si farà ma non prima che il governo abbia dato il suo OK.

Nell’attesa, fibrillano le centinaia di coppie che aspettano questo metodo per poter divenire genitori e si crea il caos. Un caos tale che alcuni ospedali, come quelli dell’Emilia Romagna, sono stati invitati a non applicare in nessun modo questo tipo di fecondazione fino a nuovo ordine. E’ stata la regione a deciderlo per tutti indicando come motivazione che “le strutture pubbliche dell’Emilia-Romagna non possano attuare al momento la fecondazione eterologa a carico del Servizio Sanitario Nazionale in quanto, a parere del ministero, la procedura non è inclusa nei Livelli essenziali di assistenza“. Ma anche -come specifica il documento- per evitare la “giungla”, ovvero la corsa alla terapia che porta a fenomeni come è stato quello di Stamina.

Fare una cosa è farla bene, ecco la filosofia che la regione intende seguire in questa prima fase. Lo fa non per danneggiare le coppie residenti sul proprio territorio ma proprio per assicurare la fruizione di un diritto, pertinente alla sfera della salute, in condizioni di uniformità su tutto il Paese“. A questo punto è urgente più che mai un documento di linee guida che stabilisca un modus operandi uguale per tutti. Una legge vera e propria, insomma, che vada a sostituire quella appena cancellata e che garantisca un indirizzo valido in tutto il Paese. In Emilia-Romagna ci sono 20 centri autorizzati (10 pubblici e 10 privati) per le tecniche di procreazione medicalmente assistita. Sulle 10 strutture pubbliche, quattro sono autorizzate a eseguire l’inseminazione artificiale.

admin

x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico