Home » Benessere » Colonscopia: evitare di ripeterla negli anziani

Colonscopia: evitare di ripeterla negli anziani

Il cancro al colon è uno tra i più diffusi e spesso si manifesta in tarda età. Molti lo scoprono intorno ai 50 anni e il più delle volte si presenta sotto forme benigne (i polipi intestinali) o maligne che vengono comunque rimosse grazie alla colonscopia. L’operazione è abbastanza fastidiosa, ma necessaria per poter evitare il peggio. Eppure da qualche tempo viene sconsigliata, soprattutto sui più anziani.

Anche in chi si ammala di cancro, le recidive per quanto riguarda quello al colon sono sempre più rare dopo una certa età. Dunque se si viene curati o si guarisce, o se vi fate asportare i polipi, proseguite giustamente i controlli periodici ma non siete obbligati a farli ancora, passati i 75 anni di età.
Dopo quell’età, infatti, l’intestino diventa molto delicato e se ha subito l’attacco del cancro lo è ancora di più. Una ricerca americana condotta dal dottor Hang Tran del Los Angeles Medical Center ha studiato proprio queste probabilità legate al rischio di danni causati dalla colonscopia.
In relazione alle possibilità che il cancro si ripresenti dopo i 75 anni è inutile e dannoso eseguire colonscopie di controllo. Anche se la malattia tornasse, infatti, avanzerebbe molto lentamente garantendo al paziente anche 10 anni di vita …. e in ogni caso un danno causato dalla colonscopia potrebbe essere più grave della ricomparsa del cancro, in persone anziane e debilitate. Il suggerimento quindi è quello di controllarsi con raggi X, tac, sistemi esterni e possibilmente indolore e che non prevedano l’inserimento di corpi estranei nel corpo della persona.

admin

x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico