Home » Benessere » Dieci tumori in agguato per chi è sovrappeso

Dieci tumori in agguato per chi è sovrappeso

Essere sovrappeso è un pericolo per la salute e non solo perchè provoca danni al cuore e alla circolazione, ma mette a rischio il corpo per almeno dieci tipi di tumore diversi. Ce lo rivela uno studio britannico molto vasto e tra i più completi, che ha coinvolto ben 5,24 milioni di persone di età varia, giovani e anziani, studiati nel corso di 7 anni e mezzo.

Durante questo arco di tempo, 167.000 persone hanno sviluppato forme di cancro, di cui 12.000 facevano registrare almeno 10 tipi di tumore tra i più diffusi al mondo. Tra questi, ovviamente, il cancro al seno, quello al rene, quello al colon e all’intestino ma anche cancro alle ovaie e al fegato.
Per alcuni tumori -come per esempio il cancro al seno – sembrava esserci un rischio inferiore con un indice alto di massa corporea, dato che la malattia si sviluppava nei soggetti giovani. Invece questo studio ha dimostrato ancora una volta che il peso di troppo, la massa corporea più sviluppata, può causare il 41% dei casi di cancro a utero e seno e un 10% di casi di cancro agli altri organi sopra elencati. Da questo punto di vista la regolamentazione della dieta è importante e non si parla più di linea o prova costume ma di sopravvivenza. Se avete chili in eccesso, e soprattutto se avete una storia familiare che comprende qualcuna di queste malattie, fate del vostro meglio per perdere peso affrontando seriamente diete con la consulenza di un medico e esercizio fisico quotidiano seguiti da un bravo allenatore.

admin

0 Commenti

  1. sessuologo comportamentale

    La più recente letteratura scientifica in argomento evidenzia che le cause che predispongono, a specifiche patologie tumorali (senza origine organica certa) hanno una forte componente psicologica. Nello specifico si tratta di emozioni negative intense (ansia, rabbia ed invidia, in particolare), pensieri disfunzionali (“distorsioni cognitive”) e stili di vita errati come meglio spiegato anche alle pagine 66, 124, 146, 147, 175, 197 e 430 del recente “Il manuale pratico del benessere” edizioni Ipertesto con patrocinio club UNESCO. Resta comunque inteso che (sin dal 1930, e oggi ulteriormente si conferma) ogni forma tumorale alligna nei tessuti acidi. L’acidosi tissutale è il risultato di un deficit metabolico (in carenza di acido fumario deputato alla detossificazione metabolica) degli acidi assorbiti o formatisi nel corpo e non completamente eliminati come tossine tramite urine (attività renale), intestino, cute e respirazione. E’ determinata dalla alimentazione con pochi componenti ad azione basica (troppe proteine animali e cereali), digiuni e diete, eccessiva assunzione di cloruro di sodio, ma anche da stress eccessivo (anche stress ossidativo per aumento di radicali liberi e carenza di ossigeno) – ossidante (come arrabbiature o superlavoro o affaticamento), emozioni negative, o abuso di farmaci e sostanze psicoattive (caffè, alcol e fumo), bibite gasate, in particolare.

x

Guarda anche

Meningite: perché i media la “cavalcano” tanto?

Fateci caso. Non passa giorno che le notizie non riportino un nuovo caso o un ...

Condividi con un amico