Home » Benessere » Sospetto Ebola per una italiana, mentre guariscono i due americani curati col siero

Sospetto Ebola per una italiana, mentre guariscono i due americani curati col siero

Una ragazza italiana viene fermata a Istanbul per “sospetti sintomi di Ebola” e scoppia il finimondo. Per la paura del contagio, certo, ma anche per la decisione della diocesi di Modena di organizzare un viaggio solidale in Africa Occidentale proprio nel pieno di questa emergenza. Purtroppo però il viaggio era organizzato da tempo e non è stato fatto in modo sconsiderato. Piuttosto si è trovato nel pieno del dramma suo malgrado.

Tuttavia, la diocesi rassicura che non si tratta di Ebola. Che la ragazza, di ritorno dal Ciad insieme ad altri volontari, è stata bloccata in Turchia perchè così prescrivono le regole di sanità decise dalla OMS apposta per proteggersi dal contagio di Ebola. Nel caso della volontaria italiana sarebbe solo una reazione a un vaccino, giunta un po’ in ritardo, e per nulla riconducibile al virus africano. E’ comunque giusto che rimanga in osservazione fino allo scampato pericolo. Scampato pericolo che possono gridare al mondo anche i due americani che sono guariti da Ebola.

Il dottor Brantly e l’infermiera Nancy, ricoverati di ritorno dall’Africa in condizioni critiche, oggi stanno bene e sono tornati a casa. Su di loro è stato usato il famoso “siero miracoloso”, che in realtà è un estratto delle foglie di tabacco. Un esperimento azzardato, concesso solo per la grave emergenza, ma che altrimenti andrebbe ancora studiato a fondo. Due guarigioni su mille malati non sono certo segno di efficacia, anche se fanno ben sperare. E sono ancora in corso esami per vedere gli effetti collaterali del siero, che in alcune scimmie risulta molto tossico. Se si deciderà di produrre in serie il farmaco, per fronteggiare l’allarme Ebola in Africa, si dovrà cominciare a lavorare subito perchè il processo di estrazione dal tabacco è lungo e difficile. Attualmente se ne sta occupando l’azienda Reynolds American, proprietaria delle piante da cui finora è stato prodotto il siero.

admin

x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico