Home » Benessere » Scompenso cardiaco: nuova cura dal 2015

Scompenso cardiaco: nuova cura dal 2015

Scompenso cardiaco, due parole che ne racchiudono decine di altre. Due parole che per circa 600.000 persone significano una vita difficile, sul filo di una lama, sempre a rischio. E se in 600.000 sanno di averla, almeno altre 200.000 persone ne sono ignare ma potrebbero svilupparla nei prossimi cinque anni. Sono numeri relativi solo al nostro Paese ed è per questo che la speranza che giunge dal nuovo farmaco in arrivo è tanta.

Dovrebbe essere immesso sul mercato nel 2015, ma per adesso è argomento di discussione a Barcellona, in Spagna, dove i cardiologi di tutta Europa si sono riuniti in questi giorni per discutere l’aumento dei fenomeni di scompenso cardiaco, le cure fino ad oggi usate e quelle da usare in futuro. Il nuovo farmaco, con molecola LCZ696 di base, potrebbe ridurre il rischio di morte del 20% e avere un effetto anche sui ricoveri per lo stesso motivo, che si abbasserebbero del 21%. In parole povere significa una vita in più certamente salva su 32, forse non fa impressione, non sembra tanto ma nell’insieme è un risultato grandioso che dona ottime prospettive.

I sintomi dello scompenso cardiaco sono: affaticamento, ritenzione di liquidi, svenimento e pure se non sfociano in qualcosa di letale (arresto cardiaco) possono essere un pericolo. Immaginate una persona che si accascia mentre attraversa la strada o mentre sta sistemando una lampadina in cima ad una scala. Ecco perchè l’introduzione di nuovi farmaci efficaci salva più vite di quanto non si creda. La maggior parte dei pazienti con scompenso cardiaco sono anziani di età superiore ai 65 anni, ma alcune volte si hanno fenomeni simili nei giovani con qualche problema congenito. L’arrivo del nuovo farmaco atteso per il prossimo anno è già argomento di entusiastiche discussioni, non solo tra i medici.

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico