Home » Benessere » Tante (buone) ragioni per disabituare il bebé al ciuccio

Tante (buone) ragioni per disabituare il bebé al ciuccio

Loro lo cercano e continueranno a cercarlo sempre, anche a forza di strepiti e capricci, perchè è un conforto, una consolazione, il surrogato del seno di mamma e un calmante che concilia il sonno. Ma voi, genitori, non dovete cedere e a un certo punto dovete dire: BASTA AL CIUCCIO! Ci sono molti modi per eliminarlo … farlo scomparire, sostituendolo con un pupazzetto da abbracciare; farlo cadere da un balcone e convincere il bimbo che ormai è andato; renderlo amaro con l’uso del limone o altro per farglielo rifiutare. Ma fatelo.

Le ragioni sono tante. E’ vero che a lungo andare il ciuccio potrebbe creare danno al palato del bambino, che tende ad assumere la forma del succhietto, è vero che gli impedisce di “testare” gli oggetti con la bocca, passaggio importante per la conoscenza del mondo; è vero che a volte gli ritarda l’appetito e l’avvio della parola ma ragione più importante di tutte, pare che destabilizzi le relazioni madre-figlio. Come? Mascherando espressioni e necessità del piccolo.
La University of Wisconsin-Madison (USA) ha analizzato le reazioni di alcuni genitori, madri e padri, davanti alle foto di un bambino qualunque -o del loro stesso bambino- con o senza ciuccio. Si è visto che sia i papà che le più attente mamme confondevano l’espressione sul viso del piccolo, non riuscendo a capire quando era triste, felice o disturbato. Il ciuccio, di fatto, nascondendo parte del viso del bambino altera la percezione dei suoi bisogni da parte dei genitori. Dunque, appena possibile, date via il ciuccio e aiutate il vostro bambino ad affrontare la vita cominciando dalla prima grande lezione: saper rinunciare a qualcosa. Ne guadagnerete un figlio più sicuro di sé e anche un figlio che comunica meglio con voi.

admin

x

Guarda anche

Mente e corpo: vive più a lungo chi ha “carattere”

TESTARDI E DETERMINATI, ecco come sono i soggetti che campano cent’anni! Lo rivela uno studio ...

Condividi con un amico