Home » Benessere » Sclerosi Multipla, primi test positivi con le staminali: nel 2016 la cura?

Sclerosi Multipla, primi test positivi con le staminali: nel 2016 la cura?

Esiste una ricerca che sta combattendo la sclerosi multipla grazie alla versatilità delle cellule staminali mesenchimali. Le stesse che usa, o avrebbe usato il discusso “metodo Stamina” di Davide Vannoni, ma qui rese con molte più certezze e prove alla mano. E’ il progetto internazionale Mesems, coordinato dal neurologo Antonio Uccelli dell’Università di Genova, che sta dando i primi risultati positivi secondo i quali la terapia funziona bene.

Il progetto coinvolge otto nazioni, oltre all’Italia, e sta tentando di trovare una cura contro la sclerosi multipla partendo dalla manipolazione delle staminali del midollo e applicandola su un campione di 81 pazienti che fanno parte di un gruppo molto più ampio ma che viene trattato con varie alternative (come il placebo, o l’alternanza tra placebo e cura staminale, o entrambe). Finora, dei pazienti trattati con la sola cura staminale, 27 hanno concluso la sperimentazione senza alcun disturbo collaterale o problema di sorta. Ciò significa che ci sono buone speranze che il trattamento funzioni, sebbene la saggezza impone di non cantar vittoria troppo presto.

Il potere delle cellule staminali mesenchimali risiede nella loro capacità di bloccare l’infiammazione del sistema nervoso centrale dalla quale dipende la sclerosi multipla, ma non solo: esse sono anche in grado di riparare i danni laddove la malattia ha lasciato segni permanenti. Se, come si pensa, lo studio verrà portato a termine senza particolari problemi entro il 2016 avremo le risposte che cercavamo su questa malattia che fino ad oggi rimane un mistero per come colpisce (giovani e anziani) e per l’impossibilità di comprenderne le cause. I pazienti curati lo scorso anno, in 12 mesi non hanno mai avuto problemi e adesso si progetta di ampliare la ricerca continuando a osservare gli effetti della cura staminale anche nel lungo termine.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico