Home » Benessere » Piccoli consigli salutari per il primo giorno di scuola

Piccoli consigli salutari per il primo giorno di scuola

Con oggi tutte le regioni italiane hanno dato il via definitivo al nuovo anno scolastico. Che ci sia sole o pioggia, caldo o fresco, i ragazzi sono tutti seduti ai loro banchi e la vita di molti di loro sta per cambiare. In particolare per i piccolini, che affrontano il loro primissimo giorno di scuola, è bene stare attenti ad alcuni dettagli che però diventano consigli importanti in questo nuovo inizio.

Tanto per cominciare, abituarli pian piano a un nuovo ritmo di sonno. Finora, all’asilo e nei giorni estivi, non avevano avuto regole ferree alle quali sottostare ma andando a scuola, e dovendo conservare fresca la concentrazione e l’attenzione, la prima cosa da fare è abituarli a dormire presto la sera. Non più tardi delle nove. Aiutateli anche a dosare il tempo del gioco e della TV, perchè da ora in poi dovranno imparare a fare i compiti. Ma soprattutto controllate la loro alimentazione. I bambini consumano molte energie, è vero, ma non per questo dovete riempirli di grassi!

Devono fare colazione SEMPRE. E se proprio insistono e si rifiutano, fate in modo che la merenda delle 11 sia abbondante. Abbondante ma non grassa. La pausa deve dar loro modo di mangiare energico e sano: alimenti facilmente digeribili, ricchi di carboidrati, come la frutta, lo yogurt, anche un dolce ma fatto in casa con ingredienti sani. Vanno bene anche le fette biscottate, biscotti frollini, pizza, merendine senza farcitura. Lo stesso vale per i più grandi, per chi va alle medie e anche al liceo. Per mantenere viva l’attenzione sullo studio occorre avere lo stomaco leggero e il cervello lucido. Nel caso degli adolescenti, valgono gli stessi consigli dei bambini con in più “il permesso” di sbocconcellare crackers o altri biscotti leggeri tra un’ora e l’altra.

admin

x

Guarda anche

Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Il Parkinson lo abbiamo conosciuto tutti, in mondovisione, nella sofferenza di Papa Giovanni Paolo II ...

Condividi con un amico