Home » Benessere » Mazor Robot, il nuovo "chirurgo" che non sbaglia mai

Mazor Robot, il nuovo "chirurgo" che non sbaglia mai

Arriva MAZOR e si stravolge il mondo della chirurgia. Non in peggio, perchè arriva proprio per aiutare i medici chirurghi nel loro lavoro, ma in gran parte sarà una vera rivoluzione. MAZOR è il primo robot neurochirurgico che lavorerà sulla chirurgia spinale in Italia, precisamente presso la Città della Salute di Torino, al CTO. Perchè usare un robot con tante ottime mani umane in campo? Non certo per “togliere lavoro” ai medici ma per perfezionare la loro opera.

Preciso al 99%, facile da usare, computerizzato, altamente tecnologico, Mazor aiuterà medici e pazienti nella riduzione (del 60%) dell’esposizione intraoperatoria, delle complicazioni (50%) e della degenza ospedaliera (30%). Si riduce e si velocizza anche il lavoro del chirurgo senza tuttavia perdere la precisione, che nelle operazioni spinali è la prima caratteristica vitale. Mazor aiuterà i medici negli interventi di stabilizzazione della colonna vertebrale, di correzione delle deformità spinali, di trattamento della patologia tumorale, di vertebroplastica e altre simili.

Il nuovo sistema robotizzato che presto potrà essere disponibile in molte strutture italiane ha tre componenti principali: un computer che controlla i movimenti del dispositivo, la sua azione di posizionamento degli strumenti e le immagini radiologiche; un software che permette di avere un panorama completo tra immagini pre-intervento e immagini riprese durante l’intervento; una unità di posizionamento che include una cannula di lavoro, ovvero uno strumento universale attraverso il quale vengono forniti tutti gli attrezzi di lavoro del chirurgo e i mezzi per fissare e impiantare. Tutto quello che il chirurgo dovrà fare sarà imparare al meglio la procedura e saper gestire il lavoro in team con la macchina.

admin

x

Guarda anche

Trapianto tra soggetti incompatibili? Ora si può

Il pericolo maggiore, in un trapianto di qualsiasi tipo, è il rigetto. Può avvenire più ...

Condividi con un amico