Home » Benessere » In Sicilia, ticket meno cari sulle visite specialistiche

In Sicilia, ticket meno cari sulle visite specialistiche

In Sicilia qualcosa si muove in ambito sanitario. La regione, che ha subito numerosi disagi per colpa dei tagli nazionali e dei disservizi che si sono succeduti, sta tentando di porre qualche rimedio per non far sentire ai cittadini troppo il peso della situazione. Così il governo guidato da Rosario Crocetta interviene sui ticket, che nell’isola erano fissati a 36 euro più 10 euro a ricetta, con l’aggiunta anche del pagamento di una percentuale della prestazione specialistica.

Il governo regionale ha deciso di intervenire su quest’ultima aggiutna, abolendo di fatto i ticket aggiuntivi per le visite specialistiche e lasciando al pagamento del cittadino solo i 46 euro originari. Forse non sarà tantissimo ma, come ha dichiarato Crocetta alla conferenza a cui è intervenuto a Palermo, “In relazione ai risparmi nella sanità abbiamo predisposto il decreto assessoriale, che voglio firmare anche io, per rimarcare la volontà politica del governo. Siccome stiamo facendo risparmi, abbiamo deciso che i primi a beneficiarne saranno i cittadini“.

Nell’ambito della stessa conferenza, Crocetta ha annunciato il licenziamento di 89 operatori paramedici in forza al 118, persone con condanne definitive a carico e che tuttavia continuavano a prestar servizio come se nulla fosse. Si cerca di risparmiare anche togliendo privilegi inutili a chi non li merita e sebbene non sia facile, per un presidente di regione, gestire una materia contorta come la Sanità, Crocetta non si lascia scoraggiare e assicura che questo vuol essere solo il “primo passo” su tutta una serie di altre riforme miranti al risparmio delle tasche dei cittadini.

admin

x

Guarda anche

Inquinamento prima causa infertilità maschile

L’inquinamento è la prima causa dell’infertilità maschile. Gli ultimi dati relativi alla fertilità degli uomini ...

Condividi con un amico