Home » Benessere » Medicina: accolti i ricorsi degli studenti

Medicina: accolti i ricorsi degli studenti

Loro hanno vinto ma l’Università, e in un certo senso tutta l’Istruzione italiana, ha perso. E’ stato accolto dal TAR il ricorso di molti studenti di medicina rimasti esclusi da diverse facoltà dopo l’ultimo test di selezione. Ultimo nel vero senso della parola, perchè dal prossimo anno non ci saranno più questi esami a bloccare i sogni di molti ragazzi, ma per quelli che lo hanno affrontato quest’estate i riammessi sono stati quasi 5.000.

In totale, 2000 ragazzi ammessi dopo il ricorso al TAR e altri 2.500 dopo il ricorso all’UDU. Si parla di numerose facoltà italiane che nel frattempo si erano organizzate per lavorare con un numero limitato di studenti e che ora vedranno quel numero raddoppiare. Questo causerà disagi, si devono cercare aule, riformare gli orari e ciò significa confusione, come quella che regna a Palermo dove il calendario scolastico si è addirittura fermato in attesa di trovare le sistemazioni adatte. Stesso disagio anche a Bari. Si parla di sconfitta dell’Istruzione perché, in realtà, non dovrebbe essere un dramma trovare spazi per far studiare i propri ragazzi. La selezione -specialmente in facoltà dure come Medicina- avviene sempre in modo naturale, non servono i test. Il diritto allo studio dovrebbe essere aperto a tutti, sarà poi il tempo e la volontà a decidere chi va avanti. I disagi, dunque, possono durare al massimo due anni … prima di una “scrematura” che dimezzi le classi. Pure i medici professionisti chiedono maggiore chiarezza al Ministero dell’Istruzione nell’organizzare gli accessi alle facoltà, perché molti di loro sono anche docenti e devono affrontare il lavoro di medico con quello di tutor degli studenti e con il rientro degli esclusi le cose si complicano ulteriormente. Un vero peccato per un sistema universitario che di recente è stato riconosciuto come tra i migliori in Europa…

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico