Home » Benessere » Sono i vaccini a far male o la disattenzione?

Sono i vaccini a far male o la disattenzione?

In Italia esiste un’associazione chiamata Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino (www.condav.it) presieduta dalla signora Gatti, la cui bambina nata nel 1997 contrae la poliomielite nonostante abbia ricevuto tutte le vaccinazioni obbligatorie, inclusa appunto quella antipolio. Irritata e devastata, la signora Gatti chiede spiegazioni e fa ricerche fino a scoprire che quella tipologia di vaccino specifica aveva qualcosa che non andava ed era stata di fatto sostituita. Insomma, non doveva proprio essere fatta.

Dunque è la disattenzione di alcune strutture, spesso, a causare i cosiddetti danni da vaccino. Fermo restando che comunque esisterà sempre un 1% di possibilità che il vaccino, come qualsiasi medicinale, possa far danno la percentuale irrisoria non giustifica la decisione di non vaccinare più nessun bambino. Significa che per evitare quell’uno su migliaia di casi si permette a migliaia di bambini di ammalarsi! Le famiglie dei bimbi con danni da vaccino, d’altra parte, non chiedono la sospensione delle vaccinazioni ma solo più attenzione nel somministrare le cure, più informazione e risarcimenti in caso di danno.

I vaccini sono utili, fanno bene. Chi scrive questo articolo ha superato indenne molte malattie grazie ai vaccini, e molti di voi che stanno leggendo sono vivi grazie ai vaccini. Non togliete ai vostri figli la fortuna che abbiamo avuto tutti noi. I vaccini sono controllati, sicuri, non hanno alcun legame con malattie come l’autismo, non hanno alcun legame con il cancro. Salvano la vita decine di volte, basti pensare solo alle tante conseguenze (gravi) che malattie come il morbillo potrebbero portare se non ci fossero i vaccini. Il sito del Ministero della Salute è molto ben fatto e disponibile per tutti, per visionare informazioni utili e sapere come e quando vaccinarsi.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico