Home » Benessere » Influenza: la vaccinazione parte dal Piemonte

Influenza: la vaccinazione parte dal Piemonte

L’influenza è alle porte, quest’anno sarà molto “americana” e ci porterà, tra gli altri, anche quel famoso virus H1N1 che nel 2009 fece tanta paura al mondo. In realtà non c’è da aver panico, si tratta di un virus aggressivo e molto contagioso che però si può superare se ben curato. E la cura nasce anche dalla prevenzione. Se ci vacciniamo tutti, il virus non trova largo per espandersi e ci saranno meno malati. La vaccinazione, insomma, è molto importante. E va fatta ora.

Come ogni anno, anche questa influenza sarà caratterizzata da problemi respiratori o intestinali, febbre alta e possibili complicazioni per i soggetti deboli o a rischio. Oltre al disagio fisico, l’influenza blocca per periodi interi la vita di scuole, fabbriche e uffici, rallentando l’economia di un Paese. Per prevenire tutto questo è già attiva la campagna di vaccinazione che in Italia, quest’anno, pare stia partendo dal virtuoso Piemonte! I medici di famiglia della regione, infatti, sono stati tra i primi a mettersi a disposizione per parlare di vaccino e fare il vaccino.

Le varie ASL piemontesi sono già scese in campo con l’informazione e le date di inizio delle vaccinazioni sono già disponibili sul sito della Regione Piemonte. Si partirà dal 3 novembre in poi, e tutte le città della regione pedemontana saranno preparate. Ribadiamo -e vale per tutta Italia- le cose da fare per proteggersi dall’influenza, vaccino a parte: lavarsi spesso le mani, evitare il contatto con chi ha i sintomi manifesti (a meno che non dobbiate curarlo), evitare di fumare, restare in casa il più possibile, evitare luoghi affollati (stadio, cinema, supermercato), mangiare sano e con molta vitamina C, evitare di affaticarsi. Se soffrite di cuore, se siete anziani e se siete reduci da sedute di cure anticancro proteggetevi il più possibile, perchè siete soggetti sicuramente a rischio.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico