Home » Benessere » Cardiologia: il defibrillatore arriva col drone

Cardiologia: il defibrillatore arriva col drone

Conoscere le manovre di rianimazione a volte non basta. Sapere come e cosa fare salva certamente vite umane, ma occorre sempre la presenza di dispositivi specifici per garantire la certezza di strappare alla morte una persona colpita da arresto cardiaco o da infarto. Così è nata l’idea di un giovane olandese, studente presso la Delft University of Technology, che ha ideato il “drone-ambulanza”. Il cervello di Alec Momont è partito da un ragionamento dettato dall’emergenza: come velocizzare i tempi di soccorso? Facile, con i mezzi di questo tecnologico presente.

Il drone progettato da Alec vola a 100km orari, è in grado di superare ostacoli e code del traffico e trasporterà un defibrillatore. Questo dispositivo medico è fondamentale per un buon soccorso cardiaco. Spesso, nonostante la bravura di soccorritori occasionali, non si riesce a fare il massimo per salvare una vita e i soccorsi sono sempre rallentati da qualche imprevisto. Il drone, invece, arriva dal cielo e salta buona parte degli elementi che di norma rallentano un’ambulanza. Per salvare una persona da un arresto cardiaco occorrono 3 minuti, spesso le ambulanze arrivano in 6 minuti.

Il drone ce la fa in un minuto appena. In tal modo, le speranze di sopravvivenza del paziente salgono dall’8% all’80% ! Il drone può funzionare anche in modo autonomo, grazie a un sistema computerizzato che gli permette di rintracciare le chiamate e di trovare il luogo dell’emergenza grazie al GPS. Il medico può guidare il macchinario ma può anche vedere, grazie alla microcamera montata sopra, e potrà interagire a distanza con le persone sul posto. Ad Amsterdam qualche ospedale si è già dimostrato “molto interessato” e non è da escludere che vedremo questi aggeggi volare per i cieli d’Olanda molto presto. Secondo il loro giovane inventore, però, occorreranno almeno 5 anni prima di avere una certezza tale per la diffusione di massa dei droni che magari, intanto, si evolveranno e potranno portare anche ossigeno o insulina.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico