Home » Benessere » Ecco la "sala ibrida" del Gemelli di Roma

Ecco la "sala ibrida" del Gemelli di Roma

Apre al Policlinico Gemelli di Roma la “sala operatoria ibrida”. Una iniziativa nata qualche anno fa per rispondere a nuove esigenze in campo operatorio, in particolare per quanto riguarda la Cardiochirurgia e la Chirurgia Vascolare che spesso richiedono interventi di grande complessità e precisione. Perché “ibrida”? Perché qui non opereranno solo uomini ma anche macchine di ultimissima generazione e robot in grado di supportare e in alcuni casi sostituire la mano del chirurgo.

In alcune situazioni particolari, troviamo pazienti che non possono affrontare un intervento tradizionale a causa di rischi eccessivi e allora si deve procedere per vie alternative, o con la microchirurgia o con la robotica e spesso le due cose sono unificate. La precisione e la fermezza del braccio meccanico, infatti, permette di eseguire interventi complicatissimi col minimo rischio di errore. Il medico deve soltanto guidare la macchina col computer e dirigerla sul punto esatto. La sala ibrida risolverà anche queste situazioni ma serve anche in quei casi estremi -sono rari, ma terribili- in cui non si può toccare il paziente nemmeno con la microchirurgia. E allora ci si deve affidare a laboratori e tecniche esterne e molto costose.

Ora non più. Ora si ha tutto in casa, al Gemelli, con ogni servizio tecnologico a disposizione. Ad esempio, la parte radiologica in sala ibrida viene gestita da una sorta di “cervello centrale” che lavora in contemporanea con i chirurghi. I medici potranno così visionare man mano che operano, e vedere i cambiamenti ad ogni secondo. Qui, dei team plurispecialistici potranno lavorare in microchirurgia, trattare disturbi di aritmia, fare impianti altamente delicati, eseguire rivascolarizzazione miocardica e soprattutto far risparmiare all’ospedale manodopera e tempo prezioso, oltre che denaro. Infine, grazie a tutte queste tecniche concentrate, si accorciano di moltissimo i tempi di degenza del paziente col minimo dei rischi post operatori. Ciò consentirà di ottenere migliori risultati e di dare a più pazienti la possibilità di essere operati.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico