Home » Benessere » Medici cattolici dal Papa, che ribadisce: "No all'aborto"

Medici cattolici dal Papa, che ribadisce: "No all'aborto"

L’Italia è uno dei Paesi europei con il più alto numero di “medici obiettori”, ovvero di dottori che seguono una filosofia di vita cattolica che impedisce loro sia di effettuare aborti o eutanasia ma anche di prescrivere i farmaci che li causano. I medici cattolici sono stati ricevuti ieri da papa Francesco che ha ribadito con forza: “La vita umana è sempre sacra, valida ed inviolabile, e come tale va amata, difesa e curata”.

Jorge Bergoglio è uno dei papi più “rivoluzionari” della storia: moderno, attento, vivace, pronto ad aprirsi a cambiamenti epocali come i sacramenti dati anche a omosessuali e divorziati … ma su questi punti, sulla sacralità della vita, non si distacca dalle antiche tradizioni della Chiesa che rappresenta. Uccidere è peccato, e dunque interrompere una gravidanza o una vita umana, anche se richiesto dallo stesso interessato, è peccato gravissimo che va evitato. Non devono passare sentimenti di “falsa compassione” perchè la vita è un dono e va accettata, quando viene e quando se ne va, in modo naturale. .

Nel monito del papa rientra anche la recente legge sulla fecondazione artificiale, soprattutto se eterologa, che secondo la Chiesa è come un “usare vite umane come cavie di laboratorio per salvarne presumibilmente altre”, laddove invece il buon cattolico deve offrire aiuto ma non soluzioni a tutti i costi. L’aborto, secondo papa Francesco, non è nemmeno un problema religioso: è la stessa scienza che dovrebbe rispettare la vita che tenta di salvare altrove. Il fatto è che nonostante i moniti del papa, la gente continua a ricercare figli con ogni mezzo -o ad abortirli- anche recandosi all’estero. Dove i cattolici ci sono ugualmente, ma la voce del papa arriva forse più lontana e i medici si limitano a fare i medici.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico