Home » Benessere » Tumore al polmone: la diagnosi precoce viene da Napoli

Tumore al polmone: la diagnosi precoce viene da Napoli

Il tumore ai polmoni è un pericolo globale, che non fa distinzione alcuna tra i sessi. Mentre tante altre neoplasie riguardano più uomini che donne o viceversa, il tumore ai polmoni riguarda tutti: chi fuma e chi subisce il fumo, chi vive nell’inquinamento e chi lo subisce di rado. Ogni anno in Italia si manifestano circa 34.000 casi nuovi e di questi 27.000 muoiono entro il primo anno.

Parliamo in particolare del tumore “non a piccole cellule” che riguarda la maggior parte dei carcinomi legati al polmone e in Italia è tra le prime cause di morte per la popolazione. Ma sempre dall’Italia arriva forse un nuovo modo di diagnosticarlo per tempo. Per la precisione arriva da Napoli, dai ricercatori del Centro di Ingegneria Genetica e Biotecnologie Avanzate che hanno realizzato un vero e proprio “kit da prelievo” specificamente per questa malattia.
Con una semplice analisi del sangue, infatti, si individua un marcatore proteico tipico dei tumori polmonari non a piccole cellule. Individuando per tempo questo fattore, si può cogliere la malattia prima che diventi aggressiva e dunque prima che cominci a spargere cellule malate nell’organismo. Ciò significa avere qualche possibilità in più di curarla e magari di salvare la vita. E’ la prima volta in assoluto che si individua l’azione del marcatore (H Prune) mentre attiva la proteina WNT3a ed è la prima volta che è possibile farlo negli stadi immediatamente iniziali del male.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico