Home » Benessere » Tumore alle ovaie: sale il rischio dopo le terapie ormonali

Tumore alle ovaie: sale il rischio dopo le terapie ormonali

Una grossa ricerca condotta tra Europa, America e Australia ha esaminato gli studi relativi alla correlazione tra menopausa e tumore alle ovaie su un campione di 21.000 donne. La ricerca, portata avanti a Oxford in Inghilterra, ha indagato sul rischio che tale malattia si sviluppi nelle donne che hanno superato i 45 anni e che si sottopongono a terapie ormonali.

Quando arriva la menopausa, il corpo delle donne va incontro a grandi cambiamenti che possono portare con sé disturbi come la depressione, l’osteoporosi, ma soprattutto il calo ormonale che deve essere recuperato con terapie ormonali sostitutive. Sebbene siano buone per un verso, queste terapie a lungo andare potrebbero favorire la formazione di masse tumorali nell’utero e nelle ovaie. Nell’arco di 5 anni dall’inizio delle terapie, infatti, il rischio di tumori in questi organi sale del 40%.

L’analisi inglese ha anche visto che questo stesso rischio va diminuendo di molto quando l’uso della terapia finisce, ma il pericolo rimane almeno fino a 10 anni dopo, in particolare per quanto riguarda l’endometrio e le ovaie. I medici dovranno tener conto di questi risultati e provare ad alternare le terapie ormonali con altri tipi di terapie oppure cambiare i farmaci in uso attualmente per vedere se altre combinazioni facciano diminuire il rischio di tumore.

admin

x

Guarda anche

Si curava con “la dieta vegana” ma il tumore la uccide

Era diventata famosa per aver dichiarato a tutto il mondo di aver sconfitto il cancro ...

Condividi con un amico