Home » Benessere » Arti bionici mossi col pensiero: in Austria è realtà

Arti bionici mossi col pensiero: in Austria è realtà

La scienza bionica oggi non è più materia di film ma di realtà mediche sempre più interessanti. Abbiamo appena saputo la notizia dell’uomo che può tornare a vedere dall’occhio lesionato grazie a una “cornea bionica” e oggi, dall’Università di Vienna, giunge il successo del primo impianto di “mani bioniche” a quanto pare perfettamente funzionanti.

Tre uomini, di età diversa e reduci da incidenti diversi, avevano subito lesioni al plesso brachiale, ovvero all’insieme di nervi che comunica col cervello per permettere il movimento di braccia e mani. Tutti e tre si sono sottoposti alla ricostruzione con sistema bionico delle nervature ma l’originalità che altri interventi, prima di questo, non hanno mai avuto è che questo impianto si comanda col pensiero, proprio come se fossero nervi veri. Le protesi robotiche, in pratica, sono munite di sensori che captano i segnali elettrici trasmessi verso i nervi. Sebbene questi ultimi siano lesionati, l’impulso passa al sensore e questo fa muovere la protesi.

La nuova mano, certamente artificiale, non viene più collegata al moncone e mossa meccanicamente dallo spostamento di quest’ultimo, viene collegata internamente direttamente con ossa, vasi e nervi veri e grazie ai sensori riesce a funzionare come una mano vera. In pochi mesi, giusto il tempo di una rapida riabilitazione fisica e mentale, la persona ritrova i movimenti e la vita di tutti i giorni senza problemi collaterali, senza traumi, senza difficoltà alcuna. Oggi i pazienti riescono di nuovo a fare cose semplici (abbottonarsi la camicia, versare l’acqua, radersi) che avevano perfino dimenticato e che non credevano di poter tornare a fare.

admin

x

Guarda anche

Ecco la “vigoressia”, la dipendenza dalla ginnastica del web

Meglio energia che “vigoressia”. E’ una frase che molti medici, ma anche psicologi, ripetono spesso ...

Condividi con un amico