Home » Benessere » Disturbo post traumatico da stress: forse c'è un fattore genetico

Disturbo post traumatico da stress: forse c'è un fattore genetico

Il Disturbo Post Traumatico da Stress è un problema psichico vecchio come l’uomo ma relativamente giovane, in medicina. Solo negli anni Ottanta dello scorso secolo, infatti, si è cominciato a codificarlo, studiando le reazioni anomale di alcuni sopravvissuti della guerra in Vietnam. Un tempo considerati “pazzi”, questi ex soldati che tornavano vivi dall’inferno, invece di essere felici e fieri di se stessi, erano depressi, violenti e spesso finivano suicidi!

La guerra è certamente l’esperienza peggiore che possa vivere un uomo, sia come soldato che come civile. Ma oltre a questa, qualsiasi evento fortemente traumatico può lasciare addosso il PTSD (sigla inglese per Disturbo Post Traumatico da Stress): un incidente stradale, un evento calamitoso, un’aggressione, uno stupro, un abuso durante l’infanzia… Eppure non tutte le persone reduci dalle guerre o da un episodio criminale sviluppano questo trauma. Alcuni reagiscono alla grande, riprendendosi la vita a piene mani. L’ipotesi in studio adesso, dopo i primi 30 anni di lavoro su questa misteriosa malattia, è che possa esserci tra tante cose anche la predisposizione genetica.

Uno studio della Università della California, a San Diego, insieme alla Southampton University sta analizzando il genoma di 188 marines prima e dopo le missioni di guerra. Lo studio viene confrontato con un altro, condotto su altri 96 soldati nella stessa situazione. Finora, i risultati indicano che può esistere un fattore genetico nella comparsa dello PTSD, anche perchè i marcatori che lo identificano sono strettamente collegati con il funzionamento del sistema immunitario e con le proteine che attivano la lotta alle infezioni. La domanda che ci aiuterà a capire meglio tutto il fenomeno è come mai, nei soggetti predisposti, l’attivazione del sistema immunitario a difesa del corpo parta anche molto prima che avvenga il trauma. Come se in un certo senso quell’individuo “prevedesse” il dramma. Per recuperare i soggetti colpiti da PTSD finora funzionano solo le terapie psicanalitiche che di solito puntano sulle crisi di panico e sulla depressione dei soggetti coinvolti.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico