Home » Benessere » Parliamo di allucinazione uditive

Parliamo di allucinazione uditive

Chi “sente le voci” non per forza è matto o invasato. Esiste un fenomeno chiamato “allucinazioni uditive” che riguarda persone che hanno subito determinati traumi (trauma cranico, interventi chirurgici) anche emotivi, come un’aggressione o un lutto molto grave. Ce lo ricorda un articolo pubblicato su The Lancet Psychiatry che intende smascherare un fenomeno spesso tenuto nascosto per vergogna.

Quelle che noi chiamiamo “voci” sono in realtà dei suoni percepiti in modo distorto dal cervello e che vengono rielaborati al punto da far credere alla persona che davvero ci sia qualcuno che sta parlando. Un disturbo che si può risolvere con le dovute cure ma soprattutto se se ne parla col medico competente, che può essere anche lo psichiatra ma potrebbe benissimo essere l’otorino o il neurologo. In Italia almeno 2 milioni di persone hanno “sentito le voci” almeno una volta, e nel mondo soffrono di allucinazioni uditive tra il 5 e il 15% degli adulti.
Queste allucinazioni possono capitare anche a persone sane, in particolari fasi di stress, per cui a maggior ragione capitano a chi ha subito uno shock, a chi è reduce da incidenti o da ospedalizzazione causata da altri traumi simili. E’ allo studio tutta una serie di esperienze e di test scientifici per cercare di dare una precisa linea di riconoscimento a questi eventi, e per invogliare la gente a vincere le paure e a parlare del problema. Le allucinazioni uditive sono state aggiunte al Manuale Diagnostico e statistico dei Disturbi Mentali (Dsm-V) che viene aggiornato ogni anno, ma come conseguenza di un problema neurologico non certo come segno di pazzia.

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico