Home » Benessere » Se la sedia uccide più del cancro…

Se la sedia uccide più del cancro…

Un fisioterapista belga, il dottor Renaud Scholzen, un bel giorno sale su un camper e comincia a girare l’Europa come un predicatore matto, parlando della sedia che molto presto ucciderà più del cancro! Non è affatto pazzo, quest’uomo, e le sue ricerche hanno fondamento. Non si parla soltanto della sedentarietà e della pigrizia, che chiaramente danneggiano circolazione e cuore, ma anche della posizione, dello “star seduti” in sé. E’ questo che fa male più di tutto.

Pensiamo solo che ormai facciamo tutto da seduti: lavoriamo seduti, stiamo sempre in auto, ordiniamo la cena, perfino lo shopping si fa online, dunque… seduti! Stiamo talmente seduti che la nostra colonna vertebrale perde circa 2 centimetri di media, sommando il tempo in totale, ogni giorno! Oltre ad accorciarci, questo causa problemi ortopedici soprattutto nei ragazzini. Altro che “peso dello zainetto”, è la Playstation che li sta deformando! E non è finita. Oltre a questo, i già citati problemi di circolazione, le malattie cardiache conseguenti, il pericolo trombosi… e anche danni all’esofago e al cervello!

La lordosi della colonna cervicale, infatti, provoca scarsa irrorazione sanguigna del cervello e modifica le condizioni di raffreddamento del cervello, aumentando i rischi di demenze senili, di Alzheimer e la deformazione della gola e perfino dello stomaco! Le cure? Principalmente le sedie ergonomiche, i cuscinetti e i puf gonfiabili che aiutano il nostro fondoschiena a star comodo e la colonna vertebrale a riposarsi di più. Ma soprattutto e sempre … e scusate se lo ripetiamo fino alla nausea… fare movimento, esercizio, allenamento, spostamento. Abituarsi a uno stile di vita che compensi tutte le ore che passiamo seduti. Più palestra, più passeggiate! Ne va della vita davvero.

admin

x

Guarda anche

Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile: servono cure mirate

Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro. In occasione della XVI Giornata ...

Condividi con un amico