Home » Benessere » Il misterioso "virus del santuario" che spaventa la Nigeria

Il misterioso "virus del santuario" che spaventa la Nigeria

Notizia di cronaca o di superstizione di massa? Non è ancora chiaro cosa stia minando la salute di buona parte della popolazione in Nigeria. In pochi giorni un “virus sconosciuto” avrebbe ucciso 18.000 persone e nessuno sa cosa sia. E dire che Ebola è ancora un ricordo recente e un’emergenza non del tutto rientrata! In Africa è facile che le malattie passino da uomo ad animale e dunque che virus “sconosciuti” all’uomo spuntino all’improvviso, magari passando da scimmie e insetti.

Ma cosa provoca il nuovo virus misterioso? A quanto pare fortissimo mal di testa e problemi agli occhi, nei casi “migliori”, mentre nei peggiori si arriva alla morte. La buona notizia è che non si tratta di una variante di Ebola, lo ha confermato la OMS che ha inviato sul posto i suoi esperti; tuttavia non sappiamo di che si tratta. Intanto in Nigeria circolano voci insistenti legati alla superstizione religiosa, che dicono che i 18.000 morti sono stati “puniti” per essere “entrati senza permesso in uno dei più grandi santuari della Nigeria, quello di Molokun, dove solo il sommo sacerdote può mettere piede”.

La paura sta forse facendo credere che altri tipi di malattia siano riconducibili alla stessa causa? O forse la causa di tutto si trova proprio dentro questo santuario? Ma come è possibile entrare e controllare se il permesso non viene concesso a nessuno? Intanto si sa che nei casi più gravi la malattia uccide in 24 ore, il che -unito ai sintomi di cui sopra- ricorda moltissimo la meningite fulminante. Ma gli esperti non si pronunciano ancora e rimangono in attesa di nuovi sviluppi, tra un rito propiziatorio e l’altro, in una terra già troppo martoriata da guerre e attentati per poter sopportare anche quest’ennesima disgrazia.

admin

x

Guarda anche

Cattive abitudini mettono a rischio salute denti dei piccoli

Cattive abitudini mettono a rischio la salute dei denti dei più piccoli. A causa di ...

Condividi con un amico