Home » Benessere » Donna abortisce al 7° mese: giallo a Padova

Donna abortisce al 7° mese: giallo a Padova

Quando una persona si può considerare persona? Una domanda che non andrebbe nemmeno posta, secondo alcuni. Secondo i medici, invece, c’è un termine preciso oltre il quale un “feto” diventa bambino, persona, per cui ha dei diritti come quello di vivere. Impossibile praticare l’aborto oltre quel termine. Diventa omicidio.

Ecco perchè una donna di 32 anni di Salerno è indagata insieme al Policlinico di Padova per “aborto fuori tempo”, perchè avrebbe chiesto di essere liberata del bambino che portava in grembo dopo i 7 mesi compiuti. Alla 27a settimana, un feto non può essere abortito a meno di gravissime motivazioni di salute che mettano in pericolo lui o la madre o entrambi. Se il bambino in questione era malato, perchè fare le cose in segreto? Se non lo era, perché abortire così tardi?

Inoltre, un Policlinico ospedaliero come quello di Padova non è una clinica di periferia, non è un luogo in cui si possa fare un atto del genere senza esami, controlli, registrazione. Ecco perchè la procura sta indagando e ha stabilito prima l’autopsia sul feto e poi le indagini su madre e personale dell’ospedale che l’ha assistita. Saranno i risultati che ci diranno se questo “giallo” ha alla base un atto di disperazione oppure un crimine vero e proprio.

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico