Home » Benessere » L'importanza della memoria: si potrà trapiantare in futuro?

L'importanza della memoria: si potrà trapiantare in futuro?

Ci sono pazienti che preferiscono tenersi un tumore nel cervello piuttosto che operarsi e rischiare di avere danni alla memoria. Perché teniamo così tanto al motore dei nostri ricordi? Forse -anzi sicuramente- perché la memoria è la base del nostro essere. Sono i ricordi che costruiscono le nostre esperienze, la nostra personalità, il nostro archivio di vita. I ricordi si generano nell’ippocampo, collocato nel lobo temporale, nella zona cosiddetta delle emozioni.

L’ippocampo riceve impulsi, li trasmette alla corteccia corticale e li elabora. Quelli che ci colpiscono sono “catturati” dai neuroni e ritrasmessi quando abbiamo bisogno di rivedere alcune esperienze, altri si perdono in un luogo più profondo che di solito rimane “chiuso” salvo poi rielaborare quei ricordi antichi nel tempo, soprattutto quando siamo anziani. C’è da dire che alcune persone sono predisposte a ricordare meglio rispetto ad altre, ma la memoria può essere anche “allenata” nei soggetti più distratti grazie a un certo tipo di alimentazione (pesce, pochi grassi, pochi zuccheri) e all’abitudine ad annotare e ragionare (esempio, con i giochi tipo settimana enigmistica o sudoku).

Si sta parlando sempre più insistentemente di possibili “trapianti di memoria”. Il termine fa rabbrividire, perché sarebbe come ritrovarsi con i ricordi di qualcun altro. Ma, scientificamente, potrebbe essere possibile … in fondo l’area cerebrale della memoria è un elemento fisico come un altro e può essere sostituito. Alcune ricerche stanno facendo questo esperimento sui topi, ma non è ancora chiaro se sarà un vantaggio o un dramma. Restituire la memoria -a un malato di tumore o di Alzheimer- sarebbe una vittoria eccezionale, ma la “memoria trapiantata” userà i ricordi della persona o poterà con sé quelli del donatore? Un dubbio che rimane mentre altre ricerche si muovono su altri campi, come quelli della riabilitazione cerebrale per ritrovare la memoria senza interventi drastici.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico