Home » Benessere » Intervento anti ipertensione svolto per la prima volta su una bambina

Intervento anti ipertensione svolto per la prima volta su una bambina

Ipertensione a 6 anni? Un caso molto raro ma possibile. Si chiama sindrome di Turner e può avere effetti mortali, infatti la piccolissima paziente aveva già avuto un ictus. Negli adulti, per risolvere questo tipo di situazioni estreme si utilizzano metodi molto efficaci ma anche rischiosi, come il “brucia-arterie”, ma mai si era provato a farlo su un paziente pediatrico. Questo è successo, invece, al Gaslini di Genova!

Prima la bimba è stata sottoposta a un trattamento preparatorio, poi è stata eseguita la denervazione renale per ridurre la pressione arteriosa per la prima volta con metodi adatti al corpo di un paziente tanto piccolo: è stato aperto un piccolo buco all’inguine, quindi con strumenti veramente esili, quasi simili a una lenza da pesca, sono state raggiunte le arterie che ossigenano i reni, bruciandole in alcuni punti specifici in modo da scollegare temporaneamente il sistema nervoso dai due organi. Dopo di che si è atteso con trepidazione il risultato.
Risultato che è’ arrivato e che oggi, con la bimba perfettamente ristabilita, si può dire di successo. Non era mai accaduto, al mondo, che un bambino venisse operato con sistemi da adulti e con tanta precisione, ma questa volta l’intraprendenza dei medici italiani ha regalato una vita normale alla bimba e alla sua famiglia e una pagina nuova alla storia della medicina. Ricordiamo che, a parte la sindrome di Turner, altre malattie possono portare l’ipertensione nei bambini: la displasia fibromuscolare, per esempio, oppure la Ehler-Danlos o la sindrome Moya-Moya.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico