Home » Benessere » In Sicilia, raccolta fondi per 310 defibrillatori pubblici

In Sicilia, raccolta fondi per 310 defibrillatori pubblici

In Sicilia, “Ti abbiamo a cuore”. Si è svolto il 26 giugno presso la sede di Confindustria Palermo, di via XX Settembre 64, il convegno illustrativo del progetto che porta questo nome e che intende garantire la salute cardiaca degli abitanti dell’isola, e dei molti turisti, in modo finalmente organizzato. Coordinato dall’Assessorato Regionale della Salute -sotto la mano ferma di Lucia Borsellino- il progetto mira a installare 310 defibrillatori nei luoghi pubblici.

In una società, quella italiana, in cui il concetto di Primo Soccorso è ancora mal recepito dagli abitanti, la Sicilia occupa uno degli ultimi posti. Sono tanti i corsi organizzati da Croce Rossa e Fratres ma chi li frequenta spesso lo fa per noia, per crediti scolastici e poco apprende e ricorda, dopo. Invece è importante sapere come salvare una vita. Gli attacchi cardiaci avvengono ovunque, non sono prevedibili, ma intervenendo bene si salvano vite.
Installare 310 defibrillatori è un enorme passo avanti, ma questi dispositivi devono essere usati con competenza altrimenti sono inutili. Insieme ai defibrillatori occorrerà formare persone al loro uso… e questo vuol dire fare campagna di Primo Soccorso nelle scuole e nei luoghi di lavoro. Ma farla come si deve. Nella speranza che il progetto porti presto anche a un risveglio delle coscienze in tal senso, si punta sulla raccolta fondi e sulla pubblicità. Chiunque voglia contribuire al dono del defibrillatore, può recarsi anche sul sito www.daesicilia.it e potrà utilizzare liberamente il logo coniato apposta per il progetto. La diffusione delle idee sul territorio a servizio delle vite umane.

admin

x

Guarda anche

Cenone di Natale: attenzione ai cibi a rischio allergie

Dalla frutta secca ed esotica, ai crostacei, ai pesci, dai dolci ai molluschi, sulle tavole ...

Condividi con un amico